A prova di errore

“Una serie di errori nel sistema di difesa militare porta gli Stati Uniti ad ordinare un attacco nucleare su Mosca. In una corsa contro il tempo, il governo sovietico deve tentare di fermare i missili.”

“A prova di errore”, un film del 1964, l’anno in cui sono nato.
Molto in tema con gli eventi che stiamo vivendo in questi mesi.
Io il film l’ho visto quando frequentavo le scuole medie inferiori, fu il nostro professore di italiano che pensò di far passare un paio d’ore su cui riflettere a tutta la classe. Rividi il film più avanti negli anni, non ricordo quando, forse è stato un sogno. Un film di 58 anni fa, forse un po troppo di sinistra ma ha azzeccato il problema, che siano i russi o gli americani, i cinesi o i coreani i primi ad iniziare poco importa, l’esito sarebbe lo stesso.
Infatti la prima cosa a cui viene da pensare riguardo a questi siti di lancio di missili nucleari è : in caso di attacco chimico o biologico o pandemia fatale, in ogni caso di situazione da allarme “rosso”, nel caso in cui l’uomo sia inabilitato ad operare; volete che non abbiano un sistema autonomo di controllo per le emergenze ? E come si comporterebbero ?
La guerra non si è mai posta problemi etici nella progettazione di armi e nelle azioni, e come potrebbe ?