Comunicazioni

Comunicazioni

  • …Vedi caro Marco, la storia degli extraterrestri e vecchia quanto l’uomo. Infatti gli scienziati di tutti i tempi hanno sempre cercato di comunicare con forme aliene di vita su altri mondi dell’universo. L’uomo è stato sempre in ascolto, tramite tecnologie elettroniche, di eventuali segnali di risposta ai nostri tentativi di inviarne a loro.
    Furono inviate addirittura sonde, prima nel sistema solare poi ai confini ed infine oltre, verso lo spazio interstellare.-
  • Affascinante nonno, continua! –
  • Di fatto nei millenni di vita della civiltà umana non fu mai ricevuto un segnale o almeno un segnale da noi decifrabile. Fu solo nel lontano 2118 che una meteora cadde sulla terra formando un cratere di venti metri. Nell’impatto la meteora si spaccò esattamente in due e nell’interno fu trovato questo disegno :

Andrea Bianchini (8/2022)

Il preveggente

Il preveggente

C’era una volta, tanto tanto tempo fa, un uomo che prevedeva il futuro, con l’eccezione di se stesso. Poteva prevedere il futuro di tutto e tutti tranne quello di se stesso.
Tutti gli abitanti del villaggio andavano di tanto in tanto a fargli visita, per fare due chiacchere, ma non tutti, c’era chi non credeva alla sua capacità di prevedere il futuro, c’era chi non voleva conoscere il proprio futuro e c’era persino chi voleva ucciderlo. Infatti un giorno un assassino si presentò da lui, bussò all’uscio, chiese permesso e l’uomo lo fece entrare. Si sedettero uno di fronte all’altro separati da un tavolo con una teiera fumante e due tazze.

  • Tu ti chiami tratom e sei qui per uccidermi – sentenziò l’uomo.
  • E riuscirò ad ucciderti folle bugiardo ? – gli chiese l’assasino.
  • Non posso vedere il futuro di me stesso, ma se tu mi ucciderai, assorbirai tutti i miei poteri – replicò l’uomo.
    L’assassino rimase interdetto e titubante.
  • Smettila con queste stupidaggini, stupido pagliaccio ! – urlò l’assassino mentre gli sferrava una coltellata al cuore.
    L’uomo non reagì e cadde a terra colpito a morte.

    L’assasino fece la sua prima previsione del futuro, da quella casa non sarebbe più uscito.

…………………….

Andrea Bianchini (8/2022)

Dio e Dei

Dio e Dei

Andando avanti con gli anni ci rendiamo conto di quanto sia debole e ridicola la nostra logica, il nostro raziocinio di fronte alla complessità, imprevedibilità e natura sovrannaturale degli eventi.
Ho ricevuto una educazione cattolica e devo riconoscerne la grande saggezza di principi e riti, ma non sono praticante. Avrei potuto nascere in un paese musulmano ed aver ricevuto una educazione musulmana, o in Cina o in India.
Riconosco che l’unica spiegazione al momento plausibile sia l’esistenza di un Dio, o di una entità con capacità che rispetto alle nostre la fanno sembrare un Dio.
Oppure, basterebbero le sole leggi dell’universo, che ancora non conosciamo completamente se non in minima parte a dar corpo all’entità che regola gli eventi di tutti noi e dell’universo.
A me non rimane altro che chinare il capo di fronte a questa entità meravigliosa e superlativa che ha fatto si che tutti noi venissimo al mondo.

…………….

Andrea Bianchini (8/2022)

Danza sotto le stelle

Danza sotto le stelle

Danzando questo ritmo cosmico,
con gli occhi chiusi,
non mi accorgo quanti e dove siamo,
lontani o vicini siamo uniti dalle stelle.

Qualcuna brilla, qualcuna trema,
qualcuna è grande, qualcuna e piccola.
E insieme disegnano nel cielo,
i nostri desideri, i nostri sogni.

I nostri passi si fanno più lenti,
appesantiti dalla soave stanchezza,
ancora un po e sarà alba,
ci lasciamo cadere a terra, in un lauto sonno.

…………………..

Andrea Bianchini (8/2022)

Il nostro ruolo

Il nostro ruolo

Corre il soldato incontro al nemico,
per questo gli han dato ben pìù di un amico.

Per la patria il soldato si fa abnegato,
il perchè di quella guerra non glielo hanno spiegato.

In fondo siam tutti soldati,
viviamo, lottiamo, moriamo per esserci stati,

in questo mondo che è divenuto stretto,
da tempo scienziati e tecnologi l’avevano detto.

ognuno di noi ha il suo ruolo,
anche in guerra, teniam ben saldi i piedi al suolo.

………………………….

Andrea Bianchini (7/2022)